Angolo della Spiritualità

Pensieri, preghiere e commenti sul Vangelo
Home » Page 2

Pensiero del giorno 19 marzo 2020

marzo 19th, 2020 Posted in Pensiero del giorno

51Egli mi fece vedere come S. Giuseppe, chiamato da Dio stesso, perché era l’uomo giusto e intemerato, ad essere custode e testimone dei segreti dell’Altissimo, che compir si doveano in Maria, fu anche da Dio provato nella sua fedeltà.

(Venerable Carmela Prestigiacomo)

Commenti disabilitati su Pensiero del giorno 19 marzo 2020

Triduo a San Giuseppe

marzo 18th, 2020 Posted in Novene e Tridui

3° Giorno: Giuseppe, Patrono della chiesa

Introduzione:

san jose3Vogliamo concludere questi tre giorni di preghiera e riflessione sulla figura di Giuseppe mettendo in rilievo il suo ruolo di patrono e custode della Chiesa universale e, del nostro Istituto; a lui affidiamo la nostra Famiglia religiosa, ciascuna di noi e le nostre vocazioni.

Preghiera iniziale

G/. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo.

T/. Amen.

G/.Adoriamo Cristo, Figlio di Dio.

T/.Che volle essere chiamato figlio di Giuseppe.

G/. Adoriamo Gesù, salvatore nostro.

T/. La cui Madre, Maria, fu sposa di Giuseppe.

G/. La sapienza di Dio ricompensa la fatica dei giusti.

T/. E accompagna sempre coloro che sperano in Lui.

 Salmo 84:Un giorno nei tuoi atri vale più di mille altrove

(Pregato o cantato)

2Quanto sono amabili le tue dimore,

Signore degli eserciti!

3L’anima mia languisce

e brama gli atri del Signore.

Il mio cuore e la mia carne

esultano nel Dio vivente.

4Anche il passero trova la casa,

la rondine il nido,

dove porre i suoi piccoli,

presso i tuoi altari,

Signore degli eserciti, mio re e mio Dio.

5Beato chi abita la tua casa:

sempre canta le tue lodi!

6Beato chi trova in te la sua forza

e decide nel suo cuore il santo viaggio.

7Passando per la valle del pianto

la cambia in una sorgente,

anche la prima pioggia

l’ammanta di benedizioni.

8Cresce lungo il cammino il suo vigore,

finché compare davanti a Dio in Sion.

9Signore, Dio degli eserciti, ascolta la mia preghiera,

porgi l’orecchio, Dio di Giacobbe.

10Vedi, Dio, nostro scudo,

guarda il volto del tuo consacrato.

11Per me un giorno nei tuoi atri

è più che mille altrove,

stare sulla soglia della casa del mio Dio

è meglio che abitare nelle tende degli empi.

12Poiché sole e scudo è il Signore Dio;

il Signore concede grazia e gloria,

non rifiuta il bene

a chi cammina con rettitudine.

13Signore degli eserciti,

beato l’uomo che in te confida.

Lett.: Dall’Esortazione Apostolica Redemptoris Custos

Chiamato ad essere il Custode del Redentore, «Giuseppe fece come gli aveva ordinato l’angelo del Signore e prese con sé la sua sposa” (Mt 1,24). Ispirandosi al Vangelo, i Padri della Chiesa fin dai primi secoli hanno sottolineato che san Giuseppe, come ebbe amorevolmente cura di Maria e si dedicò con gioioso impegno all’educazione di Gesù Cristo, così custodisce e protegge il suo mistico corpo, la Chiesa, di cui la Vergine santa è figura e modello.

Con gioia compio questo dovere pastorale, perché crescano in tutti la devozione al Patrono della Chiesa universale e l’amore al Redentore, che egli esemplarmente servì.

Ritengo, infatti, che il riconsiderare la partecipazione dello sposo di Maria al riguardo consentirà alla Chiesa, in cammino verso il futuro insieme con tutta l’umanità, di ritrovare continuamente la propria identità nell’ambito di tale disegno redentivo, che ha il suo fondamento nel mistero dell’Incarnazione.

Proprio in questo mistero, Giuseppe di Nazareth partecipò come nessun’altra persona umana, ad eccezione di Maria, la Madre del Verbo Incarnato. Egli vi partecipò insieme con lei, coinvolto nella realtà dello stesso evento salvifico, e fu depositario dello stesso amore, per la cui potenza l’eterno Padre «ci ha predestinati ad essere suoi figli adottivi per opera di Gesù Cristo» (Ef 1,5)[1].

Pausa di riflessione

Preghiera dialogata

G/. Perché ogni comunità cristiana, per intercessione di San Giuseppe, Sposo della Vergine Maria e patrono della Chiesa universale, senta la presenza del tuo Spirito che la precede e l’accompagna lungo il cammino,

T/. Radunaci nell’unità del tuo amore.

G/. Perché ciascuna di noi sia pronta a riconoscere la tua Volontà, nella piena coscienza che tu sei il Dio fedele e vegli sulle sorti del mondo attraverso le generazioni,

T/. Aiutaci a credere nella forza del tuo amore.

G/. Perché l’uomo che lavora, sull’esempio di San Giuseppe, riscopra la dignità della sua vocazione e promuova i valori della giustizia e della pace,

T/. Donagli la forza di credere e di sperare sempre in Te.

G/. Perché i papà e le mamme, con l’assidua meditazione della Parola di Dio e la preghiera comune, alimentino nei figli l’amore, e la famiglia diventi una vera “piccola Chiesa”.

T/. Concedi loro di vivere nell’unione e nell’amore.

G/. Per tutti i consacrati, specialmente per ognuna di noi, Suore del Sacro Cuore del Verbo Incarnato, perché per intercessione di San Giuseppe, ci impegniamo a cercare, attuare il progetto di Dio, per essere testimoni efficaci della centralità di Cristo, in un mondo che cammina nelle tenebre dell’egoismo e della superbia,

T/. Rendici testimoni del tuo amore in questo mondo.

G/. Preghiamo:

O Dio dei patriarchi e dei profeti, che in San Giuseppe hai dato alla tua Chiesa un segno della tua paternità, veglia sui tuoi figli, perché attraverso le gioie e le prove riconoscano sempre la tua volontà collaborando all’opera della redenzione. Per Cristo nostro Signore. Amen.

[1] San Giovanni Paolo II, Redemptoris Custos, § 1.

Commenti disabilitati su Triduo a San Giuseppe

Triduo a San Giuseppe

marzo 17th, 2020 Posted in Novene e Tridui

2° Giorno: Giuseppe, uomo docile al progetto di Dio

Introduzione:

san jose2Chiediamo in questo secondo giorno di Triduo  di essere sempre docili all’azione dello Spirito in noi per aderire sempre e comunque al Progetto di Dio in noi.

Preghiera iniziale

G/. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo.

T/. Amen.

G/.Adoriamo Cristo, Figlio di Dio.

T/.Che volle essere chiamato figlio di Giuseppe.

G/. Adoriamo Gesù, salvatore nostro.

T/. La cui Madre, Maria, fu sposa di Giuseppe.

G/. La sapienza di Dio ricompensa la fatica dei giusti.

T/. E accompagna sempre coloro che sperano in Lui.

Salmo 119: Nella tua volontà è la mia gioia

(Pregato o cantato)

1Beato l’uomo di integra condotta,

 che cammina nella legge del Signore.

 2Beato chi è fedele ai suoi insegnamenti

 e lo cerca con tutto il cuore.

 3Non commette ingiustizie,

 cammina per le sue vie.

 4Tu hai dato i tuoi precetti

 perché siano osservati fedelmente.

 5Siano diritte le mie vie,

 nel custodire i tuoi decreti.

 6Allora non dovrò arrossire

 se avrò obbedito ai tuoi comandi.

 7Ti loderò con cuore sincero

 quando avrò appreso le tue giuste sentenze.

 8Voglio osservare i tuoi decreti:

 non abbandonarmi mai.

 9Come potrà un giovane tenere pura la sua via?

 Custodendo le tue parole.

 10Con tutto il cuore ti cerco:

 non farmi deviare dai tuoi precetti.

 11Conservo nel cuore le tue parole

 per non offenderti con il peccato.

 12Benedetto sei tu, Signore;

 mostrami il tuo volere.

 13Con le mie labbra ho enumerato

 tutti i giudizi della tua bocca.

 14Nel seguire i tuoi ordini è la mia gioia

 più che in ogni altro bene.

 15Voglio meditare i tuoi comandamenti,

 considerare le tue vie.

 16Nella tua volontà è la mia gioia;

 mai dimenticherò la tua parola.

1° Lett.: Dall’Esortazione Apostolica Redemptoris Custos

Sul lavoro di carpentiere nella casa di Nazareth si stende lo stesso clima di silenzio, che accompagna tutto quanto si riferisce alla figura di Giuseppe. È un silenzio, però, che svela in modo speciale il profilo interiore di questa figura. I Vangeli parlano esclusivamente di ciò che Giuseppe «fece»; tuttavia, consentono di riscoprire nelle sue «azioni», avvolte dal silenzio, un clima di profonda contemplazione. Giuseppe era in quotidiano contatto col mistero nascosto da secoli, che «prese dimora» sotto il tetto di casa sua. Questo spiega, ad esempio, perché santa Teresa di Gesù, la grande riformatrice del Carmelo contemplativo, si fece promotrice del rinnovamento del culto di San Giuseppe nella cristianità occidentale.

Il sacrificio totale, che Giuseppe fece di tutta la sua esistenza alle esigenze della venuta del Messia nella propria casa, trova la ragione adeguata nella «sua insondabile vita interiore, dalla quale vengono a lui ordini e conforti singolarissimi, e derivano a lui la logica e la forza propria delle anime semplici e limpide, delle grandi decisioni, come quella di mettere subito a disposizione dei disegni divini la sua libertà, la sua legittima vocazione umana, la sua felicità coniugale, accettando della famiglia la condizione, la responsabilità ed il peso, e rinunciando per un incomparabile virgineo amore al naturale amore coniugale che la sostituisce e alimenta.

Questa sottomissione a Dio, che è «prontezza di volontà”nel dedicarsi alle cose che riguardano il suo servizio, non è altro che l’esercizio della sua devozione, la quale costituisce una delle espressioni della virtù della religione[1].

Pausa di riflessione

Preghiera dialogata

G/.  O Giuseppe, che hai saputo accettare con fiducia i piani di Dio e hai eseguito ogni suo volere,

T/. Aiutaci ad accettare con gioia la sua volontà.

G/. O Giuseppe, casto con Gesù casto, povero con Gesù povero, obbediente al Padre come Gesù fu obbediente,

T/. Ottienici la stessa fedeltà e purezza di cuore da cui sei stato animato.

G/. O Giuseppe, che nell’offerta totale di te stesso hai vissuto con Cristo e per Cristo una vita ispirata a grande fiducia verso il Padre,

T/. Ottienici la stessa fiducia e intimità che hai vissuto con Gesù.

G/. Giuseppe che hai accettato l’obbedienza al Padre con spirito di fede e ricevuto in dono lo stesso Figlio di Dio,

T/. Insegnaci ad avere un cuore aperto e contemplativo perché il nostro fare sia espressione illuminante della nostra obbedienza filiale al Progetto di Dio in noi.

G/. O Giuseppe, che con Maria, hai partecipato in modo singolare al Mistero dell’Incarnazione,

T/. Custodisci nei consacrati la grazia della vocazione e concedi loro il dono della perseveranza.

G/. Preghiamo:

O Signore, che ci hai rinnovati con il tuo dono, fa che sull’esempio di San Giuseppe, uomo giusto e fedele, camminiamo davanti a te nella via della santità e della giustizia. Per Cristo nostro Signore. Amen.

[1] San Giovanni Paolo II, §§ 25-26.

Commenti disabilitati su Triduo a San Giuseppe

Triduo a San Giuseppe

marzo 16th, 2020 Posted in Novene e Tridui

1° Giorno: Uomo di fede

Introduzione

san joseRiflettendo sulla fede di Giuseppe, in questo primo giorno, chiediamo la sua intercessione perché il Signore l’accresca sempre più in noi.

 Preghiera iniziale

G/. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo.

T/. Amen.

G/.Adoriamo Cristo, Figlio di Dio.

T/.Che volle essere chiamato figlio di Giuseppe.

G/. Adoriamo Gesù, salvatore nostro.

T/. La cui Madre, Maria, fu sposa di Giuseppe.

G/. La sapienza di Dio ricompensa la fatica dei giusti.

T/. E accompagna sempre coloro che sperano in Lui.

Salmo 23: Canto di fiducia

(Pregato o cantato)

Il Signore è il mio pastore:

non manco di nulla;

su pascoli erbosi mi fa riposare

ad acque tranquille mi conduce.

Mi rinfranca, mi guida per il giusto cammino,

per amore del suo nome.

 Se dovessi camminare in una valle oscura,

non temerei alcun male, perché tu sei con me.

Il tuo bastone e il tuo vincastro

mi danno sicurezza.

Davanti a me tu prepari una mensa

sotto gli occhi dei miei nemici;

cospargi di olio il mio capo. Il mio calice trabocca.

Felicità e grazia mi saranno compagne

tutti i giorni della mia vita,

e abiterò nella casa del Signore per lunghissimi anni.

1° Lett.: Dagli Scritti di Madre Carmela

Mi faceva ancora intendere come nella creazione Iddio diede all’uomo la donna come compagna e soggetta, la quale nell’ordine della natura dovea servire di aiuto all’uomo in modo che, congiunte insieme le loro forze, dovevano servire per la propagazione del genere umano. Nell’ordine della grazia, invece, ha disposto che chiamata la donna all’alta missione secondo i disegni dell’Altissimo, l’uomo le sia di aiuto, compagno e custode dei segreti di Dio nel compimento della sua Volontà sulla terra. Così fu in Maria SS.ma, la quale, elevata all’altezza di Madre di Dio a cui fu destinata, ebbe Giuseppe a compagno, aiuto e custode dei segreti dell’Altissimo, che così mirabilmente si compirono in lei. Egli mi fece vedere come San Giuseppe, chiamato da Dio stesso, perché era l’uomo giusto ed intemerato, ad essere custode e testimone dei segreti dell’Altissimo, che compirsi dovevano in Maria, fu anche da Dio provato nella sua fedeltà. Però nella perplessità di abbandonare l’illibatissima sua sposa, egli tutto si affidò nelle mani di Dio, a Lui solo chiedendo la risoluzione di quel dubbio e di quella angoscia, che tanto gli straziava l’anima, non volendo di suo proprio giudizio decidere così grave affare. E fu allora che Dio per premiare la sua fiducia in Lui e la diffidenza di se stesso, gli mandò un angelo a rassicurarlo a non temere di nulla, tenendo Maria quale sua castissima sposa [1].

Pausa di riflessione

Preghiera dialogata

G/.  Signore, che hai voluto affidare gli inizi della nostra redenzione alla custodia premurosa di San Giuseppe, per sua intercessione,

T/. Concedi alla tua Chiesa di cooperare fedelmente al compimento dell’opera di salvezza

G/. Signore, che hai prescelto Giuseppe, uomo giusto, perché come sposo stesse accanto alla benedetta fra tutte le donne,

T/. Concedi ai coniugi cristiani di edificarsi vicendevolmente nella santità

G/. O Giuseppe, che nell’offerta totale di te stesso hai vissuto con Cristo e per Cristo una vita ispirata a grande fiducia verso il Padre,

T/. Prega Gesù perché anche noi abbiamo la stessa fiducia e intimità che hai vissuto tu.

G/. Signore, che mediante l’angelo hai manifestato a Giuseppe il disegno di salvezza,

T/. Fa che sappiamo vedere in tutti gli eventi il disegno misterioso della tua provvidenza.

G/. Figlio di Dio, occupato nelle cose riguardanti il Padre tuo, che Giuseppe e Maria ti cercarono per tre giorni affannosamente,

T/. Fa che, come richiede la nostra vocazione, viviamo per Dio solo, apprezzando la preghiera e la contemplazione, come necessarie premesse all’azione apostolica

G/. Gesù, che inserito nella famiglia di Nazareth, hai voluto essere sostenuto dal lavoro di Giuseppe,

T/. Fa’ che accettiamo la legge del comune lavoro e sappiamo farne strumento di santificazione e mezzo di apostolato

 G/. Preghiamo:

O Padre, che ci hai chiamato ad amarti e servirti come unico Signore, salvaci dalla nostra debolezza e incoerenza, e per intercessione di San Giuseppe, fortifica la nostra fede per camminare con gioia, anche nel buio, verso la pienezza del tuo amore. Per Cristo nostro Signore. Amen.

[1] Vol. IV, p. 104, Relazione spirituale a Don Emmanuele Calì, s/d.

Commenti disabilitati su Triduo a San Giuseppe